Politiche culturali: circenses estivi e vuoto cosmico

In materia di cultura, tutto l’impegno dell’Amministrazione resta concentrato solo su Lodialsole, rassegna alla quale anche quest’anno viene destinata una cifra decisamente esagerata per il bilancio di una città delle dimensioni di Lodi; è vero che è importante garantire l’intrattenimento estivo per chi resta in città, ma si può offrire buona qualità anche spendendo meno, tanto più che nulla viene investito negli altri ambiti delle politiche culturali del Comune: non c’è traccia di impegno per un prolungamento degli orari della biblioteca, come era stato chiesto; il progetto di rifacimento del Museo è andato definitivamente in soffitta; all’aula studio di Villa Braila verranno fatti dei lavori, ma solo grazie alle sollecitazioni delle opposizioni; sulla trasformazione del teatro in fondazione regna un alone di mistero; l‘archivio storico verrà chiuso sine die per i lavori di adeguamento antincendio e nessuna soluzione alternativa viene offerta per la consultazione dei materiali.
La cattedrale vegetale, dopo i crolli di questi mesi, non verrà ricostruita: decisione unilaterale della Giunta, presa senza nemmeno consultare gli sponsor che l’avevano finanziata. Lodi perde così un’opera che nella sua breve vita aveva riqualificato l’argine dell’Adda e attirato tante persone da fuori città.
E che dire del rapporto con le associazioni? Non solo ormai sono costrette a pagare affitti improponibili per le sale comunali, ma si vedono prese in giro dal fatto che sono invece stati abbassarti gli affitti per chi richiede le sale per scopi commerciali. Così l’attività commerciale che affitta ad esempio la Sala Granata per un evento promozionale paga meno di un’associazione che non ha entrate e che vuole fare un’attività culturale o sociale.
I lavori di adeguamento dell’edificio delle Vigne, iniziati con la precedente Amministrazione, saranno finalmente ultimati, ma ormai ogni attività collaterale al teatro, come ad esempio Le officine e il Teatro Scuola, o non esiste più o è diventata, per chi la organizza, una corsa ad ostacoli.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...