Diritti e rispetto del lavoro: Giunta bocciata

Arriva l’autunno a Lodi e con il freddo si annunciano anche tristi orizzonti e presagi. L’incapacità di questa amministrazione ha colpito anche i lavoratori delle mense che sono passati sotto la gestione della società Serenissima.

Ebbene sì, perché in questa vicenda c’è tutta l’incapacità di questa Amministrazione sia di preservare i livelli occupazionali ad essa legati (come per la questione del servizio del portierato che vedremo successivamente), sia di difendere i diritti dei lavoratori delle mense scolastiche del Comune di Lodi. I fatti partono da lontano, da un nuovo bando redatto dal Commissario Straordinario, poi ritirato in autotutela da questa amministrazione nell’Ottobre del 2017. Dopo una flebile resistenza in giudizio che ci è costata 8.000 €, la decisione della Giunta è stata di ribandire nuovamente la gara delle mense. Il nuovo bando esce nell’aprile 2018 con un capitolato che non prevedeva nessun vincolo da parte dell’aggiudicatario per mantenere in essere le condizioni contrattuali dei dipendenti.

Il bando viene aggiudicato nell’agosto 2018 alla ditta Serenissima Ristorazione SPA di Vicenza. Da qui cominciano i primi problemi per i dipendenti che sono sfociati nella protesta del 5 Settembre, anche se i sindacati avevano già sollevato le prime preoccupazioni… mai raccolte dal Comune di Lodi. Si arriva così alla protesta del 12 Settembre, dove i lavoratori hanno proclamato lo stato di agitazione e svolto una manifestazione sotto il Broletto, chiedendo di essere ricevuti dal Sindaco. Il nostro Sindaco cosa fa? Non solo non riceve i lavoratori ma fa chiudere i cancelli del Comune con tanto di lucchetto dopo non aver mai risposto alle sollecitazioni. Si sono trincerati in Comune! Questa è una grave mancanza di rispetto nei confronti dei lavoratori e una grave mancanza di assunzione di responsabilità amministrativa, il bando è loro!

Altrettanto scandaloso è il comportamento tenuto da questa Amministrazione nei confronti delle lavoratrici del portierato, URP, IAT e Custodia dell’Incoronata.

A fronte di un fantomatico risparmio non quantificato nella Delibera n. 107 del 20 Settembre, l’Amministrazione ha deciso di non ribandire il servizio di portierato perché definito troppo costoso. Ci chiediamo: perchè non si è voluto fare un nuovo bando, contenente le nuove esigenze ed eventualmente con risparmi possibili? Perché l’Amministrazione Comunale ha deciso di affidare il servizio ad Astem che dovrebbe occuparsi di altro? Ultimo ma non meno importante è il trattamento riservato a queste lavoratrici, a cui non sono state date risposte fino all’ultimo giorno dopo aver comunicato la propria decisione già a Maggio. Questo comportamento non è sicuramente rispettoso nei confronti di chi ha sempre servito il Comune di Lodi con grande professionalità e dedizione.

È ottobre, ma questa Amministrazione in tema di lavoro e rispetto dei lavoratori è già da bocciare: forse questo comportamento è frutto del fatto che i principali esponenti dell’Amministrazione, nella loro vita, non hanno mai lavorato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...